Accesso all’istruzione superiore

Per accedere ai corsi di istruzione superiore nelle istituzioni italiane è necessario essere in possesso del “Diploma di Esame di Stato conclusivo dei corsi di istruzione secondaria superiore”, comunemente detto “Diploma di Maturità”.


Il Diploma di Esame di Stato conclusivo dei corsi di istruzione secondaria superiore si ottiene dopo il superamento del relativo Esame di Stato (detto Maturità) al quale si accede con una decisione assunta dal consiglio di classe nello scrutinio finale dell’ultima classe del percorso di studi svolto in un Liceo, Istituto tecnico o Istituto professionale, e dopo complessivi 13 anni di scolarità, suddivisi in 5 anni di scuola primaria, 3 anni di scuola secondaria di primo grado e successivi 5 anni di scuola secondaria di secondo grado.


L’Esame di Stato si articola in tre prove scritte (in alcuni casi quattro) e in un colloquio. Le prime due prove scritte hanno carattere nazionale: una è comune a tutti gli indirizzi di studi, mentre la seconda è specifica per l’indirizzo frequentato. La terza prova scritta dipende dalle singole commissioni d’esame. Il colloquio si svolge sulla base degli obiettivi specifici di apprendimento del corso e in relazione alle discipline di insegnamento dell’ultimo anno. Il punteggio finale dell'Esame di Stato è espresso in centesimi (da 60/100 - voto minimo - a 100/100 - voto massimo): la Commissione d’esame può attribuire con decisione unanime la “lode”.


Il Diploma di Esame di Stato conclusivo dei corsi di istruzione secondaria superiore consente l’accesso a tutti i corsi italiani di istruzione superiore. Requisiti specifici di ammissione (esami, prove di accesso, ecc.) possono essere richiesti dalle singole istituzioni o nel caso di corsi a numero programmato sulla base della legislazione nazionale.


Per i requisiti di accesso all’istruzione superiore con titolo estero si veda la sezione Riconoscimento accademico.

Progetti in evidenza
Servizi